Noi siamo infinito (libro+film)

"The Perks of a Being a Wallflower" è il titolo originale dell'opera di Stephen Chbosky di cui vi parlerò oggi. 

Noi siamo infinito – Ragazzo da parete
Titolo originale: The perks of being a wallflower
Autore: Stephen Chbosky
Editore: Sperling&Kupfer
Collana: Pandora
Anno:2012 (precedentemente pubblicato da Frassinelli)
Pagine:272
Prezzo: 16,90


TRAMA:

Tra un saggio scolastico su Kerouac, una canzone degli Smiths e una citazione del Rocky Horror Picture Show, scorrono i giorni di un adolescente per nulla ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un turbine di prime volte: la prima festa, la prima rissa, la prima cotta... e via salendo nella scala dell'adrenalina. E Charlie, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti. Peccato che il segreto più grande sia nascosto proprio dentro di lui...



RECENSIONE:
Prima di leggere il libro, ho visto il film, quindi avevo già le idee chiare sulla storia che andava ad affrontare e devo dire non ho notato particolari mancanze nella pellicola. A parte forse il finale un po' frettoloso, rispecchia il libro in modo eccellente.

Il romanzo è epistolare, Charlie scrive lettere a un amico, raccontando senza filtri tutto quello che è la sua vita. Lo fa in modo sincero, con la sua spiccata sensibilità ed emotività (nel libro piange anche troppo, per i miei gusti!).
È al suo primo anno delle superiori, un anno già di per sé difficoltoso, senza doverlo affrontare da solo, dopo aver perso un caro amico. Si sente perso Charlie, fino a che incontra casualmente Patrick e Sam, due tipi fuori dal comune, fratellastri, che lo coinvolgeranno nel loro mondo e nel loro gruppo di amici.

Charlie ha una sorella e un fratello (campione dello sport) più grandi e due genitori che non sembrano rivolgergli particolari attenzioni. Soprattutto visto il suo stato emotivo e i problemi seri che in passato aveva avuto, dopo la morte della zia Helen.

Ma lui scrive, così si confida e butta fuori tutto Si sfoga con noi raccontandoci di Bill, l'insegnante che gli regala libri e lo considera speciale, della sua famiglia, di Sam che gli piace troppo ma ha paura di perderla come amica, e ci scrive di Patrick che è costretto a nascondere chi è davvero. Soprattutto però, ci scrive di lui, del suo modo di vedere le cose, del forte bisogno di avere degli amici e sentirsi parte di qualcosa. Del suo modo dolce di voler fare stare bene tutte le persone che ama, e ci racconta anche di quelle canzoni perfette che in certi momenti altrettanto perfetti, lo fanno sentire vivo. Lo fanno sentire infinito.

Il romanzo è ambientato negli anni '90 a Pittsburgh, perciò si incontrano film, canzoni e mode dell'epoca. La scrittura è diretta e semplice, un flusso di pensieri continuo. Si parla di tutto, affrontando tanti argomenti diversi (scuola, amicizia, violenza, droga, omosessualità e suicidio) senza mai sconfinare nel volgare.
I problemi emotivi di Charlie, sono abbastanza chiari fin dall'inizio, quando decide di scrivere le proprie lettere a uno sconosciuto, piuttosto che ad un amico. I drammi da lui subiti e i problemi repressi che si porta dietro fin dall'infanzia, però, emergeranno solo più avanti, come tante tessere di un puzzle che ci doneranno l'immagine chiara dell'insieme.
Il personaggio di Charlie, mi ha suscitato tanta tenerezza, è un ragazzino dolce a tal punto da mettere gli altri sempre davanti a se stesso, lui trova nelle persone cose che nessun altro riesce a vedere. Capisce gli altri, ma fatica a capire se stesso.


"Caro amico,voglio raccontarti della nostra corsa. C'era questo tramonto fantastico. E una collina. E solo poche ore prima, Sam, Patrick e tutte le persone che conosco e a cui voglio bene avevano festeggiato il loro ultimissimo giorno alle superiori. Ed io ero felice, perchè loro erano felici."


Noi siamo infinito – ragazzo da parete, non è il solito libro adolescenziale, va oltre i drammi tipici del periodo delle superiori, scavando più a fondo nelle vite dei ragazzi, mostrandone i turbamenti e le sofferenze. Può essere considerato un ottimo romanzo di formazione, e al suo interni cita grandi classici letterari come Il giovane Holden di Jerome D. Salinger o Sulla strada di Jack Kerouac.


E tutti i libri che hai letto sono stati letti da altre persone. E tutte le canzoni che hai amato sono state ascoltate da altre persone. E la ragazza che pensi sia carina è considerata carina da altre persone. E se se consideri questa cosa quando sei felice, ti sentirai benissimo perché starai descrivendo la parola "armonia".


Logan Leman interpreta perfettamente il “ragazzo da parete” goffo e insicuro, anche se non notare Logan Lerman a parere mio, è impossibile (non è mica male il ragazzo!).
Emma Watson, svesti i panni della mia adorata Hermione, ricopre il ruolo di Sam, ragazza vivace, dolce e protettiva nei confronti del “piccolo” Charlie. Ezra Miller invece è Patrick, il “Niente” della situazione, mentre Nina Dobrev (Elena di The vampire Diaries) è la sorella di Charlie.

L'ottima trasposizione cinematografica, rispetto al libro, penso sia dovuta soprattutto al ruolo dello stesso Stephen Chbosky come regista. Una storia straordinaria da leggere, ma anche da guardare.



VALUTAZIONE:



 È un romanzo sempre attuale, una storia, quella di Charlie, di cui meravigliarsi ogni giorno.



CANZONE CONSIGLIATA:

7 commenti:

  1. Risposte
    1. Te lo consiglio è davvero bello!

      Elimina
  2. Bellissimo libro! Devo dire però, che questo è uno dei casi in cui il film batte il libro: infatti, a mio parere, il film è un gradino più in alto del romanzo (che è comunque molto bello)!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, di solito i film tratti dai libri sono spesso deludenti, in questo caso invece il film merita veramente tanto! :)

      Elimina
  3. Bel libro anche se non eccezionale quanto speravo! Il film mi è piaciuto molto, molto di più il che è strano, in quanto i libri sono sempre meglio dei film!!

    RispondiElimina
  4. Devo proprio decidermi a leggerlo visto che ce l'ho nell'ereader... E dopo guardero' anche il film ^_^

    RispondiElimina
  5. La penso esattamente come te! :)
    Mi è piaciuto il libro e il film l'ho adorato!

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)