Legend

Titolo: Legend
Autore: Marie Lu
Editore: Piemme
Collana: Freeway
Serie: Legend#1
Anno: 2013
Pagine: 262
Prezzo: 16,50

Trama:
Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due parti, la Repubblica e le Colonie, e la guerra sembra destinata a non finire mai. A quindici anni, June è già una promessa della Repubblica. Nata in una famiglia ricca e prestigiosa, oltre a una bella casa, un mucchio di soldi e la possibilità di frequentare le scuole migliori, possiede anche un vero talento nel cacciarsi nei guai e senza l'intervento di Metias, il fratello maggiore, probabilmente qualcuna delle sue bravate all'accademia militare sarebbe già finita male. Dalla morte dei genitori, Metias è l'unico su cui può contare, almeno fino al giorno in cui viene ucciso in circostanze misteriose. Il primo sospettato è Day, un ragazzo della stessa età di June, ma nato e cresciuto nei bassifondi della Repubblica. Ed è anche il criminale più ricercato del paese. Da quel giorno, June ha un unico desiderio: vendicare Metias. Ma per lei e Day il destino ha altri piani.

Recensione:
Ormai lo sapete, mi sono abbonata a tutti i distopici esistenti sulla faccia della terra, non me ne perdo uno, è ormai diventato definitivamente il mio genere preferito.
Avevo Legend sul lettore e-book da un po' di tempo, ma non mi decidevo mai ad iniziarlo, sentivo che non era il momento giusto. Ogni tanto con i libri io ho questo genere di sensazioni, che iniziandoli in un momento sbagliato, potrei non apprezzarli a dovere.
Beh, quando il momento perfetto è arrivato, ho divorato Legend in un paio di giorni piovosi.
Avendone letti tanti di distopici, è scontato dire che molto spesso certe situazioni si ripetono, tendono ad assomigliarsi molto alcuni libri di questo genere, per ambientazione o organizzazione della società distopica.
Legend racconta la storia di June, una ragazzina intelligente e bravissima a cacciarsi in ogni sorta di guaio. E' cresciuta con il fratello, dopo che i genitori sono morti, ed è una promessa per la Repubblica in cui vive, perchè è colei che ha raggiunto il punteggio massimo nella Prova a cui qualsiasi cittadino deve sottoporsi.
Al contrario di lei, Day è un altro quindicenne, ma con alle spalle un passato (e un presente) totalmente diverso. Conosciuto da tutta la Repubblica per essere un criminale pericolosissimo, minaccia per la società, è costretto a scappare in continuazione e nascondersi nelle zone più malfamate della città
La vita dei due ragazzi, si incrocia, o per meglio dire, scontra, quando il fratello di June muore, e il primo sospettato per il suo omicidio è proprio il temibile Day.


"Una volta le imprese di Day mi affascinavano.
Adesso invece è il nemico con cui devo misurarmi, il mio obbiettivo.
La mia prima missione."

In questo libro, al contrario della maggior parte dei distopici in cui il protagonista principale è uno solo, qui sono due. June e Day, infatti, si alternano, di capitolo in capitolo, come narratori della storia. Gli altri personaggi che li circondano, non sono molti, e a parte Tess, li ho trovati solo accennati, ma non approfonditi più di tanto. Un personaggio che mi sarebbe piaciuto vedere in azione un po' di più, è Metias, il fratello di June. Capisco che la storia parta proprio dalla sua morte, ma essendo l'unico membro rimasto della famiglia di June, mi sarebbe piaciuto vederli passare un po' di tempo insieme.
La fortuna di June, di incontrare Day, appena mette piede nei bassifondi della città, è abbastanza improbabile, così come il fatto che Day sia appena un quindicenne, oltretutto molto legato alla famiglia (cosa che costituisce un suo punto debole), e non sia mai stato catturato da nessun soldato della Repubblica...mah!
A parte questi piccoli dettagli, che ho trovato troppo surreali, la storia mi è piaciuta molto.
Mi sono piaciuti entrambi i personaggi, li ho trovati ben caratterizzati e anche motivati, nel senso che si riesce a capire e comprendere perfettamente le ragioni che li spingono ad agire nel modo in cui loro si comportano. 
June è ferita, è sola, non sa se c'è qualcuno di cui può ancora fidarsi, perchè tutto ciò in cui aveva creduto fino a quel momento, dopo la morte del fratello, sembra terribilmente sbagliato. Day invece, è spinto dalla paura, dalla disperazione di salvare la sua famiglia, prima ancora di se stesso, e rubare, lottare, nascondersi, è il solo modo che conosce per difendere e proteggere le persone che ama.
In Legend, le persone vengono addestrate fin da bambini, a quello che li aspetta, una volta superata, o meno, la Prova. Ed è proprio questa Prova, questo esame, che fa sorgere parecchie domande in questo libro, perchè veniamo a sapere che qualcosa non ha funzionato correttamente, qualcosa che la società cerca in tutti i modi di tenere nascosta.
Lo stile dell'autrice è semplice, scorrevole e fluido. E' riuscita a costruire bene l'organizzazione della società in cui basa la sua storia, ed ha creato un intreccio che unisce la severità nella classificazione e nell'addestramento della gente, ad un ulteriore grande problema che riguarda la popolazione: il morbo. 
Si, perchè June e Day, devono anche affrontare il morbo che sta divagando nella loro città, una malattia pericolosa, che porta, chi ne è afflitto, ad essere tenuto in quarantena e spesso anche "studiato£ dagli scienziati. Devo dire dire che l'elemento malattia mi ha ricordato un po' Reached, l'ultimo capitolo della trilogia di Ally Condie, in cui, anche lì, era presente il "problema contagio".
L'autrice è stata brava a dosare gli elementi in questa storia, raccontando quanto basta per capire come sono strutturate Repubblica e le Colonie, ma senza inondare il lettore di troppe informazioni, che sicuramente avremo nei prossimi volumi. 
Come ho già detto, June e Day mi sono piaciuti molto, anzi, a dire la verità li ho adorati. I loro sentimenti, la disperazione, l'affetto, la necessità di ottenere vendetta, e poi il sentirsi in colpa, per ciò che provano, l'uno per l'altra, lì ho percepiti in modo molto veritiero, raccontati con sincerità dall'autrice.  
Sono ansiosissima di leggere il secondo volume, e spero proprio che sia all'altezza di Legend, altrettanto adrenalinico, eroico e coinvolgente. Incrocio le dita!

Valutazione:
♥♥♥♥/ e mezzo

Link d'acquisto ad Amazon:

9 commenti:

  1. Quanto ho adorato questo libro *__* Vedrai Prodigy è anche più bello!Non vedo l'ora di leggere il terzo volume!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi dici che il seguito è pure più bello, non posso aspettare oltre, devo assolutamente recuperare Prodigy!!!

      Elimina
  2. A me Legend è piaciuto, ma c'è stato comunque qualcosa che non mi ha convinta completamente. In primis, l'età dei protagonisti. Cioè, hanno 15 anni e si comportano come ragazzi molto più grandi, come diciottenni. Capisco che probabilmente il punto è proprio quello: Day non sarebbe una leggenda e June non sarebbe un prodigio se fossero più grandi di età. Quindi, okay vada per i 15 anni, però i comportamenti che hanno, e i pensieri che fanno non mi sono sembrati quelli di due adolescenti appena entrati in questa fase della vita. Poi, come hai detto anche tu, gli altri personaggi non sono proprio stati approfonditi. Sulla scena in pratica vediamo in azione solo Day e June.
    E mi è sembrata leggermente forzata anche la storia d'amore tra i due protagonisti: sia perché è una storia che scaturisce da sentimenti maturi, un po' troppo maturi per dei ragazzini di 15 anni, sia perché si sviluppa troppo in fretta. Tra il loro primo bacio e il finale in cui stanno insieme, c'è un vuoto centrale, come se ci fossimo persi dei passaggi. Come hanno fatto ad innamorarsi se, mentre lui era rinchiuso, si vedevano a malapena e quasi sempre sorvegliati?
    Comunque è un libro che mi è piaciuto, e di cui leggerò sicuramente il seguito. :)
    p.s.: sono una tua nuova follower, e ho preso il tuo banner, spero non ti dispiaccia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giada, benvenuta nel baule! Mi fa molto piacere che ti sia aggiunta al blog :)
      Concordo con te sul fatto dell'età dei personaggi, 15 anni sono davvero pochi per loro che sembrano così maturi...lui soprattutto, come è riuscito a non farsi mai catturare, a riuscire a scappare da soldati addestrati quando è appena un adolescente? Mah!
      Comunque a parte quello, la storia mi è piaciuta tanto, spero che anche il seguito sia altrettanto emozionante :)

      Elimina
  3. Io ho amato questi libro! Leggi subito Prodigy... Io aspetto impaziente il terzo capitolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere Prodigy!!!!!

      Elimina
  4. In un primo momento l'età dei protagonisti aveva fatto storcere il naso anche a me, però vedrai che leggendo Prodigy capirai molte cose..a proprosito, Prodigy è ancora molto più bello *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre più curiosa di leggere Prodigy, a questo punto! :)

      Elimina
  5. Legend è il mio primo distopico e come tutte le prime volte ci sono particolarmente legata, mi ha fatto innamorare di questo genere. Gli ho dato 5 stelle su Goodreads, cosa rara per me. Day e June sono ben caratterizzati ed è stato impossibile per me non innamorarmi. Marie Lu ha un tipo di scrittura che mi piace molto, mi ha coinvolto e convinto completamente non c'è stato un attimo di pace, non c'è stato un momento di "noia".

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)