Il profumo del pane alla lavanda


Titolo: Il profumo del pane alla lavanda
Autore: Sarah Addison Allenamento
Editore: Sonzogno
Anno: 2008
Pagine: 283
Prezzo: 18,00


Trama:

Claire Waverley vive nella grande casa ereditata dalla nonna. Ha 34 anni e si dedica solo alla sua cucina e al suo giardino che nasconde un segreto: ogni pianta, ogni fiore, ogni frutto (in particolare quelli del rigogliosissimo melo) hanno un potere magico, una proprietà che può cambiare il destino delle persone. Sono questi gli ingredienti che rendono unici i manicaretti di Claire, ricercatissimi in tutta la cittadina di Bascom. All'improvviso però a sconvolgere la sua tranquilla esistenza irrompe la sorella Sydney, scappata di casa anni prima e ora in fuga da un passato oscuro e minaccioso. Insieme le due sorelle affronteranno la loro difficile eredità, e apriranno il loro cuore all'amore.

 “Generazioni di Wawerley
avevano coltivato il giardino.
In quella terra c'era la loro storia,
ma anche il loro futuro.
E qualcosa stava per accadere,
qualcosa che il giardino
non era ancora pronto a rivelare.”



Recensione:
Diverse voci narranti si mischiano alle due principali, quelle di Claire e Sidney, due sorelle, in questo primo romanzo di Sarah Addison Allen.


Claire è distante e distaccata dagli altri, cerca costantemente di fuggire dai rapporti con le persona, non andando oltre un educata conoscenza, i particolar modo con i clienti per cui lavora (svolge servizi di catering). L'unica eccezione è Evanelle, l'unica con cui sente di potersi aprire, forse perchè è il solo legame che ha con la famiglia di origine. Questo almeno fino a che sua sorella Sidney, assieme alla figlioletta Bay, si stabiliscono a casa sua. A poco a poco, le due sorelle riusciranno a creare un legame nuovo, che nemmeno da piccole erano riuscite a mantenere, divise dall'età e dalla madre poco presente. Tyler, il nuovo vicino di casa di Claire, tenterà inizialmente invano, di fare breccia nello scudo da lei creato, mentre la stessa Claire tenterà di farlo desistere attraverso i suoi intrugli magici.

Sidney, al contrario della sorella, è una donna forte, indipendente e abbastanza coraggiosa da scappare da un uomo crudele con lei. Torna così nella città natale da cui era fuggita tempo prima, per proteggersi e salvare sua figlia. In questa stramba cittadina, ritrova sé stessa e le radici del suo passato.


Sono tanti i personaggi e le storie che si intrecciano a quelle delle due giovani donne, che a Bascom hanno una certa fama perchè dotate di “caratteristiche speciali”. La loro casa, la loro famiglia, il loro giardino rigoglioso, ma soprattutto il melo con i suoi frutti scintillanti hanno difatti proprietà più o meno magiche. Loro stesse utilizzano i fiori del giardino nelle loro pietanze per ottenere gli effetti che le piante sono capaci di donare: il petalo di rosa ad esempio, incoraggia l'amore, mentre la viola del pensiero induce a fare complimenti e regali a sorpresa.


La scrittura di questo libro è semplice e scorrevole, è una lettura piacevole che si assapora tutto d'un fiato come i piatti raccontati: le tortine ricoperte di viole del pensiero cristallizzate o le focacce alla cannella.
Una vera chicca è il ricettario dei fiori in fondo al libro.


Valutazione:
♥♥♥/ e mezzo

“Un romanzo dolce e magico in grado di stregare anche il cuore più scettico.” 

New York Times

5 commenti:

  1. Della Allen ho letto soltanto Il giardino dei raggi di luna ma mi è piaciuto moltissimo! Quindi prima o poi mi leggerò anche tutti gli altri! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto solo questo per il momento...leggerò presto anche Il giardino dei raggi di luna, mi attira molto :)

      Elimina
  2. sembra proprio carino, oltre che fa venire fame :') sicuramente lo tengo a mente *-*

    RispondiElimina
  3. Molto carina la trama, sono curiosa di conoscere il legame di queste due sorelle :)
    Lo aggiungo in lista :)

    RispondiElimina
  4. Questo libro l'ho letto di recente e mi ha davvero piacevolmente sorpresa

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)