Chi è Mara Dyer

Titolo: Chi è Mara Dyer
Autore: Michelle Hodkin
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Anno: 2012
Pagine: 431
Prezzo: 16,00


Trama:
"Era solo un gioco. Eppure Mara non voleva partecipare alla seduta spiritica con le sue amiche Rachel e Claire. Sei mesi dopo, Mara si risveglia dal coma in una stanza di ospedale. E le sue amiche sono morte. Cos'è successo quella notte al manicomio abbandonato? Perché Mara è l'unica sopravvissuta? Orribili allucinazioni iniziano a perseguitarla e un dubbio si insinua nella sua mente: e se fosse stata lei a causare quelle morti, come aveva predetto la seduta spiritica? L'incontro con il turbolento, bellissimo Noah potrebbe essere la sua salvezza o la sua definitiva condanna. Perché anche Noah ha un segreto, legato al grande mistero che la tormenta: chi è Mara Dyer?"

Recensione:
Mara Dyer è una ragazzina come tante, almeno fino a che, apparentemente a causa sua, la sua migliore amica muore in un tragico incidente. Da allora nulla è più come prima. Da allora la sua vita cambia radicalmente, è costretta a trasferirsi con la sua famiglia altrove per cercare di lenire il dolore provocato dalla perdita, ma forti allucinazioni le impediscono di dimenticare. Allucinazioni che la confondono, impedendole di capire cosa è vero e cosa no, cosa è frutto della sua fantasia, e cosa è davvero capace di fare lei.

L'inizio di questo romanzo è sorprendente, anche imprevedibile, mi ha lasciato con il fiato sospeso. Via via, però, l'attenzione è un po' calata. Sarà che l'ho letto sotto i raggi bollenti di un pomeriggio di agosto, o che, sono stata spesso distratta da ragazzi di passaggio alquanto interessanti... vabbè, qualsiasi sia stato il motivo, “Chi è Mara Dyer” non mi ha sorpreso come mi aspettavo. La storia di per sé è molto interessante, misteriosa e intrigante, ma alcuni particolari mi hanno fatto un po' storcere il naso. L'avvenimento che coinvolge Joseph, il fratellino di Mara, per esempio (spoiler-il rapimento), è un fatto abbastanza importante che però, nella storia viene poco ampliato. Non c'è abbastanza spazio nel romanzo, che si concentra su altro, tanto che un fatto di tale portata viene praticamente liquidato come se niente fosse.
 Ulteriore cosa che non ho apprezzato, è il super-clichè in cui è incappata l'autrice, come molte altre scrittrici prima di lei. Okay, vogliamo che nel romanzo ci sia sempre un ragazzo carino di cui poterci innamorare anche noi assieme alla protagonista, che ci faccia sognare e venire gli occhi a cuoricino... ma perché deve SEMPRE essere lo strafigo della scuola che ha la fila di ragazze che sbavano per lui? Quello che può avere chiunque voglia, che non si fa problemi a sedurre e abbandonare, salvo poi venire improvvisamente folgorato dalla ragazzina che di speciale ha poco o nulla? Quante probabilità ci sono che poi, lo stesso strafigo, abbia anch'esso dei poteri paranormali come la protagonista?
La mia curiosità è rimasta alta sulla notte dell'incidente, su cui l'autrice snocciola pian piano dettagli (almeno in parte) nel corso del romanzo, ma si concentra poi sui “fenomeni” causati da Mara, accantonando in un angolo il fulcro della storia.
Nel complesso non è male, semplicemente le mie aspettative erano molto alte, e sono rimasta un po' delusa. Alla fine l'attenzione riprende, perchè la rivelazione finale lascia in sospeso molte domande che, spero troveranno risposta nel secondo capitolo.
Un plauso alla copertina, davvero bellissima.

Valutazione:
♥♥♥
Canzone consigliata:

2 commenti:

  1. Ho preso questo libro da poco, sono proprio curiosa di leggerlo!!

    RispondiElimina
  2. A me invece è piaciuto molto ma la serie è stata interrotta e quindi non saprò mai la fine! Ho ancora un casino di domande nonostante abbia letto anche il secondo! Uff...

    RispondiElimina

Cari viaggiatori,
lasciate pure un segno del vostro passaggio se vi va,
sono sempre felice di scoprire i vostri pensieri :)